Dal 1895 eleganza, praticità e comfort a Moneglia


BOLZANETO

Coordinate: 
44° 10' 269" N
                09° 33' 925" E
Distanza dalla costa:  0,70 mg. dalla punta di monte Grosso (Bonassola SP)

  Il 29/06/1943, alle ore 10,45, il piroscafo Bolzaneto (Soc. armatrice ILVA di Genova) fu silurato tra Bonassola e Deiva
  Marina (SP) dal sommergibile inglese Sportsman (1), comandato dal tenente di vascello Gatehouse, mentre faceva rotta      
  da Marina di Carrara a Genova.    
  La nave, varata nel 1918, aveva una stazza lorda di t. 2.220, una lunghezza di m. 86,96, una larghezza di m.12,50 e pesca-
  va m. 5,37; era spinta da una macchina a vapore a triplice espansione con due caldaie della potenza di 900 hp che le im-
  primeva una velocità massima di 8,5 nodi.
  Il siluro la colpì al centro spezzandola in due tronconi che affondarono quasi istantaneamente anche a causa della natura del 
  carico costituito da pani di ghisa che poi furono recuperati nel dopoguerra causando ulteriori danni al relitto; 11 dei 20        
  membri dell'equipaggio persero la vita nel naufragio.
 
Le due parti del relitto giacciono sul fondale fangoso distanziate di circa 150 metri a quota m. -55 e le sovrastrutture dista-     no dalla superficie m. 40 ~ 45.
  All'estrema poppa è ancora postato un cannone scudato le cui munizioni, visibili a causa del cedimento delle tavole del 
  ponte sono sparpagliate nel deposito sottostante.
  Reti e cavi sono impigliati sulle due parti del relitto e ciò, unitamente alla quota profonda e alla torbidezza dell'acqua, deve  
  consigliare ai sub la massima prudenza.

 Note:
 
(1)  Il sommergibile Sportsman apparteneva alla classe S costituita da 66 battelli realizzati in quattro varianti.
       Fu costruito nel cantiere Chatham dockyard di Chatham (U.K.) e varato il 17/04/1942; nel 1951 fu ceduto alla marina 
       francese che lo ribattezzò Sybille ed il 23/09/1952 affondò al largo di Tolone per cause tuttora sconosciute causando la  
       morte di tutti i 47 membri dell'equipaggio.
       Dislocava 872 t. in superficie e 990 t. in immersione; era lungo m. 66.14, largo m. 7.16 e pescava m. 3.35.
       Era propulso da due motori diesel con una potenza complessiva di 1550 hp e da due motori elettrici per complessiva-
       mente 1300 hp che gli imprimevano una velocità massima in superficie di 14,5 nodi e di 9 nodi in immersione.
       Aveva un'autonomia di 6.000 miglia e poteva restare in missione per 48 giorni.
       L'equipaggio era costituito da 6 ufficiali e da 42 sottufficiali e comuni.
       l'armamento consisteva in un cannone da 3'', un cannoncino da 20 mm, 3 mitragliatrici cal. .303  e sette tubi lanciasiluri
       da 21" con tredici siluri.

ALCUNI  ALTRI PESCI, CROSTACEI, MOLLUSCHI E CELENTERATI DEL NOSTRO MARE
I RELITTI

Alicia mirabilis
Corvina
Gambero Parapandalo
Gorgonie rosse

Pastenula bruna
Pesce San Pietro
Salpa
Sparaglione


Il relitto della bettolina 
Il relitto del cargo armato
Il relitto del La Foce
Il relitto del KT
Il relitto del Marcella
Il relitto del Saint Nazaire


Vannacalzature: via Vittorio Emanuele, 19/ 20/24/26 - 16030 Moneglia - Italia

Tel: +39 0185 49395 - Fax: +39 0185 49395

E-mail: VANNAD02@vannacalz.191.it

La migliore visione si ottiene con una risoluzione 1024 x 768

Webmaster: Alfredo Armellini, via Vittorio Emanuele, 22/1 - 16030 Moneglia - Italia  - E-mail: VANNAD02@vannacalz.191.it

Il testo, le foto (Salvo diversa indicazione) e i disegni della pagina sono di proprietà di Alfredo Armellini; ne è vietata la riproduzione anche parziale senza l'autorizzazione dell' autore

Inviatemi una E-mail con i Vostri commenti e/o suggerimenti su quest'opera !

Ultimo aggiornamento: 04/02/2008