Dal 1895 eleganza, praticità e comfort a Moneglia


Torna alla cartina

Architrave all'ingresso del chiostro di S. Giorgio a Moneglia
Architrave all'ingresso del chiostro della chiesa di S. Giorgio a Moneglia

IL SAGRATO E LA CHIESA DI SAN GIORGIO

Gli itinerari escursionistici gravitanti sulla zona nord-ovest del territorio comunale di Moneglia iniziano dal sagrato della chiesa di S. Giorgio.
Le prime motizie su questo edificio sacro ci giungono con un atto notarile del 1.369 con il
quale una certa vedova Benvenuto lasciava in eredità una casa con terreno in  modo che i massari della pieve di Moneglia vi potessero edificare una chiesa.
     Il campanile della chiesa di S.Giorgio                                            Nel 1.396 risultava già costruita una chiesa intitolata a S. Giorgio in stile gotico.
Nel 1.484 furono chiamati a Moneglia i frati francescani che vi fondarono un convento al quale fu aggregata, sia pure in una sorta  di condominio, l'attigua chiesa di S. Giorgio che rimaneva sotto la giurisdizione del suo rettore. 
Poiché tale status era fonte di continue controversie, i frati, nel 1.486, edificarono una cappella vicino alla chiesa e la cedettero      al rettore in modo che la chiesa più grande rimanesse in loro uso esclusivo; contemporaneamente restaurarono il convento che era
dotato di due chiostri, foresteria, biblioteca e infermeria.     
Nel 1.670 innalzarono un'altra chiesa intitolata all'Immacolata Concezione e restituirono S. Giorgio alla comunità monegliese.   
Nel 1704, seguendo la moda dell'epoca, la chiesa fu completamente ristrutturata, colonne e pareti gotiche in pietra a vista furono rivestite di marmi e stucchi gli archi a sesto acuto furono trasformati in archi a tutto sesto e il complesso assunse un tono 
baroccheggiante.                  
Dopo il 1.866, anno in cui i frati dovettero abbandonare il paese, il complesso passò al  municipio che fece sistemare a piazza il     chiostro a sinistra della facciata della chiesa mentre la  parrocchia acquisì il resto del complesso e lo fece parimenti restaurare.
La chiesa, a tre navate, ha nove altari e custodisce alcune pregevoli opere tra le quali una cassa processionale settecentesca che     riproduce l'effigie di S. Giorgio nell'atto di uccidere il drago.
Sulla sinistra della piazza inizia una breve scalinata che si trasforma ben presto in una tipica "creusa" (1) ligure costeggiando il 
   Il campanile della chiesa di S: Giorgio       muro di cinta del parco di un romantico castello eretto alla fine dell' 800 dal marchese De Fornari in stile Coppedè.
             

                                          


   Inizio degli itinerari settore ovest  

         Inizio itinerari settore Ovest

   
        

  Un altare nella chiesa di S. Giorgio 
 Un altare della chiesa di S.Giorgio
 
 
                                                

  Sagrato e chiostro esterno della chiesa di S. Giorgio
          Sagrato e chiostro esterno della chiesa di S. Giorgio

Il castello De Fornari
                          Il castello De Fornari                                       


                (1)  Sentiero selciato, talvolta a larghi scalini in modo da permettere il passaggio degli animali da soma, che può
                      avere una striscia centrale pavimentata con mattoni pieni disposti a coltello e sovente corre tra i muri che 
                      delimitano le diverse proprietà .

 GLI ALTRI ITINERARI ESCURSIONISTICI A MONEGLIA E DINTORNI

 
 A quota m. 200 sul versante di Riva Trigoso
 A quota m. 171 sul versante di Riva Trigoso
 A quota m. 150 sul versante di Riva Trigoso
 A quota m. 125 sul versante di Riva Trigoso
 Da Vallegrande alla torre d'avvistamento di punta Baffe
 
 Da Venino al monte Comunaglia
 Dal bivio per Montelugo a Casarza Ligure
 Dal bivio per Vallegrande al bivio sul monte Comunaglia
 Dal bivio sul Comunaglia al monte Moneglia
 Dal colle del lago a Riva Trigoso (Loc. Manierta)
 Dal colle del lago alla torre di punta Baffe
 Dal monte Moneglia al colle del lago
 Dal trivio sul sentiero per Riva Trigoso al mare di Vallegrande
 Dal trivio su Vallegrande al quadrivio del colle del lago
 Dalla cresta di Comunaglia alla Valletta

 Dalla cresta di Comunaglia al monte Comunaglia
 Dalla località Madonnetta alla Madonna del buon viaggio

 Il bivio per Montelugo
 Il bivio per: Vallegrande - punta Baffe
 Il castello di Monleone
 Il monte Moneglia

 Il quadrivio: Moneglia - Riva Trigoso - monte Moneglia
 Il trivio per: torre Baffe - monte Moneglia - Riva Trigoso
 Il bivio per: torre Baffe - Riva Trigoso
 Il trivio per: Vallegrande - colle del lago - m. Comunaglia
 La cresta di Comunaglia
 La fine degli itinerari a Riva Trigoso
 La torre d'avvistamento genovese di punta Baffe
 La Vallettina
 La Vallettina alta
 Venino

Torna alla cartina

           


Vannacalzature: via Vittorio Emanuele, 19/ 20/24/26 - 16030 Moneglia - Italia

Tel: +39 0185 49395 - Fax: +39 0185 49395

E-mail:VANNAD02@vannacalz.191.it

La migliore visione si ottiene con una risoluzione 1024 x 768

Webmaster: Alfredo Armellini, via Vittorio Emanuele, 22/1 - 16030 Moneglia - Italia  - E-mail:VANNAD02@vannacalz.191.it

Il testo le foto e i disegni della pagina sono di proprietà di Alfredo Armellini; ne è vietata la riproduzione senza l'autorizzazione dell' autore

Inviatemi una E-mail con i Vostri commenti e/o suggerimenti su quest'opera !

Ultimo aggiornamento: 05/02/2008