Cinghiale

Dal 1895 eleganza, praticità e comfort a Moneglia


CINGHIALE
SUS SCROPHA
In genovese: Porcu servêgu

Questo ungulato è presente in Italia con tre sottospecie ormai geneticamente inquinate a causa dell'introduzione nel nostro paese di animali provenienti dai Balcani e dal centro Europa importati a scopo venatorio e dell'ibridazione con il maiale domestico allevato allo stato brado.
Ha una lunghezza di cm. 100 ~ 160, un'altezza al garrese di cm.60 ~ 90; un maschio può pesare Kg. 45 ~ 180, una femmina Kg. 30 ~ 150.
Ha corpo massiccio sorretto da gambe corte e sottili, testa grande con un muso lungo e conico che termina con il gru- gno o grifo. 
La bocca è guarnita esternamente dai canini superiori detti coti lunghi circa cm. 10 curvi verso l'alto e a contatto con gli inferiori detti difese lunghi circa cm. 20, anch'essi incurvati verso l'alto.
Gli occhi sono piccoli, le orecchie grandi e diritte, la coda termina con un ciuffo di peli. 
La pelliccia è costituita da due strati: al primo, corto e lanoso detto borra, si sovrappone il secondo, detto giarre, cos- tituito da lunghe setole.  
I piccoli fino a sei mesi hanno un mantello a fasce longitudinali giallastre in campo marrone scuro, nei giovani fino a due anni il mantello è rossiccio, negli adulti è bruno scuro con striature argentee sul muso e sulle spalle dei più anziani.
I cinghiali sono onnivori e si alimentano scavando con il grugno il terreno (rooting) in cerca di insetti, radici e tane di roditori, cibandosi di ghiande e frutti caduti dagli alberi e di foglie e steli di varie piante e, purtroppo, non disdegnano di cibarsi, devastandoli, nei terreni coltivati.
Sentono il bisogno di rotolarsi nel fango in ogni periodo dell'anno per rinfrescarsi e liberarsi dei parassiti che ne infesta- no il mantello e poi sfregano il corpo contro il tronco di un albero per liberarsi del fango secco molte volte danneggian- dolo.
Vengono cacciati da squadre di cacciatori con fucili caricati a palla o pallettoni che si servono di mute di cani per sta- narli e spingerli verso le zone dove li attendono appostati.

ALCUNI ALTRI MAMMIFERI,  UCCELLI , RETTILI, ANFIBI  ED INSETTI DEI BOSCHI E DELLA MACCHIA MEDITERRANEA NEL NOSTRO TERRITORIO 

 Charaxes jasius
 Gabbiano reale
 Germano reale
 Lucertola dei muri
Merlo
Passero
Rana agile
Rondine
Sparviero

 

 


Vannacalzature: via Vittorio Emanuele, 19/ 20/24/26 - 16030 Moneglia - Italia

Tel: +39 0185 49395 - Fax: +39 0185 49395

E-mail: VANNAD02@vannacalz.191.it

La migliore visione si ottiene con una risoluzione 1024 x 768

Webmaster: Alfredo Armellini, via Vittorio Emanuele, 22/1 - 16030 Moneglia - Italia  - E-mail: VANNAD02@vannacalz.191.it

Il testo le foto e i disegni della pagina sono di proprietà di Alfredo Armellini; ne è vietata la riproduzione anche parziale senza l'autorizzazione dell' autore

Inviatemi una E-mail con i Vostri commenti e/o suggerimenti su quest'opera !

Ultimo aggiornamento: 30/01/2008